Massaggio tantrico: distruzioni per l’uso

CE41797D-2063-422A-9970-C2E55F6C2589

E’ necessario chiarire alcuni punti spinosi nell’insegnamento della Pratica del massaggio tantrico kashmiro.
In ordine alle modalità di esecuzione del massaggio, innanzitutto è fondamentale affidarsi all’aspetto emozionale relativo soprattutto al sentire.
L’insegnamento tradizionale passa attraverso il -guarda e ripeti-.
Non esistono regole codificate, nè tecniche specifiche per l’apprendimento del massaggio.
E’ necessario soprattutto sviluppare l’ascolto di sè e dell’altro.
Esiste una struttura del massaggio che prevede una sequenza armonica, ma che bisogna sviluppare soprattutto attraverso la pratica e l’esperienza.
Un laboratorio di massaggio tantrico nel caso in cui veda la partecipazione di più persone si svolge in due giornate (nel caso di insegnamento individuale lo svolgimento è in una unica giornata).
È prevista una parte didattica, necessaria all’introduzione ai principi della filosofia tantrica che ha influenzato la pratica di questo massaggio, anche se, giova ripeterlo, si tratta di una pratica di tradizione popolare sebbene molto sofisticata.
Segue poi l’esecuzione di Asana relative allo Yoga Ratna necessarie a portare l’attenzione sul corpo, troppo spesso ci si dimentica che questo massaggio ha una base yoghica, fondamentale per sviluppare la coscienza e la consapevolezza del proprio corpo indispensabile per portarla poi sul corpo dell’altro.
Quindi la trasmissione di Tandava, secondo gli insegnamenti di Daniel Odier, una danza meditativa stanziale che insegna la lentezza, la continuità e l’armonia del gesto, portando a scorporare gesto ed intenzione.
Mi preme sottolineare che in merito al massaggio tantrico pur avendo seguito numerosi corsi di Odier, Baret e altri insegnanti non mi sento di appartenere ad alcuna scuola, ma propongo un mio percorso fondato sull’approfondimento personale. Riconosco come mia Maestra esclusivamente Gabriella Cella alla cui scuola mi sono formata. Scuola che prevede soprattutto una attenzione particolare al femminile.
Considerando che il massaggio porta l’uomo a sentire come sente la donna, ritengo che sia fondamentale una trasmissione di tipo femminile di tale pratica.
La parte centrale della mattina sarà dedicata poi alla dimostrazione pratica del massaggio secondo l’assunto tradizionale del -guarda e ripeti-.
Il pomeriggio prevede lo scambio tra i partecipanti, attraverso un sorteggio si creano le coppie.
Nel caso in cui al massaggio accedano coppie già formate, è consigliabile che la coppia effettui il massaggio all’interno della coppia stessa.
La seconda giornata ha una modalità di svolgimento analoga a quella del giorno precedente, con una parte di essa dedicata allo studio tecnico del sistema delle leve e dei punti che riguardano il massaggio.
Ma ricordo come sia prioritario acquisire la presenza ed il tipo di tocco necessario, più che la tecnica e la pratica.
Con il tempo svilupperete il vostro massaggio.

-Chi massaggia il corpo massaggia le ossa-

Giova ricordarlo.
Questo massaggio innesta un principio di cura rispetto alla persona che massaggiamo e soprattutto di responsabilità.
Non è un massaggio di tipo erotico e sessuale, ma una esperienza altra.
Non prevede il massaggio ai genitali noto anche come massaggio Yoni-Lingam, anzi l’esecuzione di un massaggio di questo tipo vanifica completamente la pratica del massaggio tradizionale.
Cura, responsabilitá, ascolto sono le chiavi di accesso nella pratica della massaggio tantrico kashmiro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>